Rispetto

Rispetto.

Ho scelto questo tema
per ricominciare il nostro dialogo,
dopo le vacanze.

Abbiamo usato spesso il termine consapevolezza, agire sapendo bene cosa si fa. Però la consapevolezza può esistere sia nel bene che nel male: scelgo di fumare ben sapendo che mi può fare ammalare seriamente.
Rispetto è qualcosa di più: significa avere ri-guardo, porre attenzione, considerazione verso qualcosa o qualcuno. Avere rispetto del proprio corpo, dell’ambiente, degli uomini, degli animali, significa adoperarsi per non nuocere; il rispetto è alla base dell’amore universale. Il rispetto può portare solo al bene.

Ma nessuno più ci insegna il rispetto. Qualcuno ce l’ha dentro, nel proprio DNA, ma è merce sempre più rara.
Senza rispetto si finisce per produrre inquinamento, razzismo, violenza, autolesionismo. Non si ha ri-guardo degli altri perchè si guarda solo al proprio ego e chissenefrega.
Non ci si sofferma a soppesare le proprie azioni, a capire dove la nostra libertà va a impattare su quella del resto del mondo. È come se questa pagina del nostro manuale di istruzioni si fosse stracciata, persa.

Questa estate mi sono trovato in mezzo ad un incendio che ha mandato in fumo 150 ettari di macchia mediterranea, distrutto anche alcune case e messo a repentaglio la vita di molte persone. Incendio provocato da un coglione che ha acceso un fuoco libero al confine del bosco per farsi una grigliata, lasciando poi il fuoco incustodito.  La voglia di grigliata è stata più forte del rispetto dell’ambiente e degli altri esseri viventi.
Ho visto lasciare sacchetti di immondizia sulle spiagge, o lanciarli dal finestrino, lungo le strade; salire sopra dune di sabbia protette con tanto di cartelli e rotolarsi beatamente. Anche qui, mancanza di rispetto.
Ma la vita di ogni giorno è piena di esempi ancora più inquietanti.

Ho pensato che uno dei motivi per cui da tanti anni ho scelto di lavorare per far crescere il biologico, sta proprio in questa parola: rispetto.
Rispetto del proprio corpo, al quale fornire un cibo pulito; della terra, da coltivare con metodi naturali; degli animali, che crescano mangiando e vivendo in modo sano e dignitoso; del mio lavoro, che sia di aiuto al prossimo e non solo fonte di reddito.

Commenti

commenti

About Emanuela Angelini